Quando si inizia a frequentare una persona i propri sentimenti e le proprie emozioni iniziano a farsi sentire sotto diversi aspetti della vita. A volte anche la percezione del tempo riesce a subire dei mutamenti quando si è innamorati di qualcuno. Ma, un attimo: infatuati o innamorati? Che differenza c’è?

E se c’è, come capire se si è innamorati? Insomma, il fatto di sentirsi in balia di una nuova frequentazione e delle emozioni che questa suscita non significa necessariamente amare quella persona. Potrebbe sembrare strano, ma in effetti è così. Prima di arrivare ad amare nel vero senso della parola, infatti, bisogna prima passare per la fase dell’infatuazione.

Infatuazione o amore? Le differenze

Prima di capire se si è innamorati è opportuno approfondire che cosa s’intende per infatuazione e amore. La prima è una condizione che interessa soprattutto i primi mesi di una relazione, e che si basa principalmente sulla chimica, sulla passionalità e sull’attrazione.

Hai presente quando si parla delle “farfalle nello stomaco”? Ecco, quella è infatuazione. Ci si sente all’interno di un turbine di emozioni fortemente coinvolgenti che lasciano poco spazio alla razionalità. L’infatuazione richiede di essere vissuta per quello che è: voglia costante di vedersi, forte desiderio di unirsi nell’intimità, visione romantica del mondo.

Inoltre, l’infatuazione è spesso caratterizzata anche da una forte gelosia, proprio perché non ci si sente ancora un “tutt’uno” con il partner. Ci si sente quasi febbricitanti all’idea di rincontrarsi, e questo significa anche vivere in un certo stato di ansia.

L’amore, invece, è un sentimento che subentra con pensieri, comportamenti e sensazioni diverse, più profonde. L’infatuazione rimane superficiale, mentre l’amore è quella cosa in grado di farci programmare il futuro insieme ad una persona. La gelosia e l’ansia si ridimensionano, e lasciano posto alla serenità e alla fiducia.

L’amore ci fa vedere la persona che abbiamo di fronte per quello che è realmente, e ce la fa apprezzare con i suoi pregi e difetti. L’infatuazione, invece, a volte rischia di dipingere una figura perfetta ai nostri occhi, come se fosse unica al mondo.

Insomma, per farla breve, l’amore coesiste con la razionalità e con solide basi di condivisione. L’infatuazione, se non evolve allo step successivo, è capace di esaurirsi così come è cominciata.

Quando avviene il passaggio dall’infatuazione all’amore?

A questo punto è probabile che tu ti stia chiedendo quand’è che l’amore subentra al posto dell’infatuazione. In linea generale diciamo che l’infatuazione interessa i primi mesi di una relazione, che possono essere 3 come 6, questo è davvero molto variabile.

Difatti, non ci sono tempistiche precise e che rimangono tali per tute le coppie. Ognuno vive il rapporto in modo diverso, e per questo è difficile parlare di quando avviene il passaggio. Inoltre, è molto difficile rendersene conto a livello conscio e razionale, per quanto si parli di due cose così diverse.

Possiamo dire che lo si avverte nella natura del rapporto stesso, che si placa su alcuni fronti e inizia a concentrarsi su altri. Insomma, nel momento in cui la relazione diventa seria, si inizia a parlare di temi importanti (come una possibile convivenza, la prima vacanza insieme, conoscere le rispettive famiglie) e quella “smania” per il partner si ridimensiona, forse possiamo dire che sia subentrato l’amore.

Come capire se si è innamorati?

Bene, adesso che abbiamo chiarito che cosa significa amare possiamo passare allo step successivo: come capire se si è innamorati? Come dicevamo poco fa, infatti, il confine tra le due fasi è labile e spesso è difficile capire quando i propri sentimenti sono passati “al livello successivo”. Ecco quindi tre aspetti essenziali che ti permetteranno di capire se sei davvero innamorato/a:

Conosci e accetti le vostre differenze

Il primo modo per capire se si è innamorati è pensare se si è consapevoli di chi sia il nostro partner nella sua interezza: pregi, difetti, carattere, modi ecc. Amarsi significa conoscersi sotto tutti i punti di vista e scegliere di rimanere anche quando vediamo qualcosa che non ci va a genio.

Questo non significa fare finta di niente o accettare indistintamente qualsiasi cosa, ma essere consapevoli che i lati belli e positivi di quella persona riescono a colmare quelli meno belli. Inoltre, l’amore non pretende che due persone siano uguali per poter stare insieme, ma vedono i due partner collaborativi per riuscire a proseguire il loro cammino insieme.

Puoi essere te stesso/a

Se sei innamorato di una persona e hai iniziato ad avere una relazione seria e stabile con lei, questo significa che non hai più bisogno di mostrare il tuo lato migliore. All’inizio tutti lo facciamo, anche se inconsciamente, perché l’obiettivo è quello di creare una coppia, e quindi tendiamo a dare e a far vedere il meglio di noi stessi.

Quando si è innamorati, invece, ci si sente più rilassati e si percepisce anche la serenità di non dover più “far continuamente colpo” su quella persona. Tutto diventa semplice e spontaneo esattamente come se fossimo in presenza di un amico.

Fai progetti importanti con lei/lui

Da ultimo, per capire se si è innamorati basti pensare se c’è il desiderio di fare progetti a lungo termine insieme, un desiderio privo di paura e colmo di entusiasmo. In prima battuta potrebbe trattarsi di un viaggio, ma alla lunga i discorsi che dovrebbero subentrare sono di stampo più profondo: andare a convivere, diventare una famiglia, avere figli, magari.

Non tutte le coppie si sposano e hanno figli, ed infatti non sono queste le due uniche variabili da tenere in considerazione. I progetti importanti possono prevedere il trasloco in un’altra città o lo spostamento dal proprio paese insieme per cause lavorative del partner.

Il concetto è che quando si è innamorati si tende a pensare e ad agire come coppia, e non più come singolo. Ci si pone degli obiettivi per la coppia e si cerca di raggiungerli, perché non c’è soddisfazione più grande di fare il percorso insieme e di veder realizzato il proprio amore.

 

TROVA L’ANIMA GEMELLA ORA!