Nell’Unione Europea il 7,8% delle donne tra i 25 e i 50 anni vive da sola con figli, mentre per la stessa fascia d’età, ma senza figli, il numero sale a 9,8%. A fronte di questi dati, riportati dall’Istat in riferimento al 2018, si evince che una buona percentuale di donne non abbia un compagno nella propria vita.

Non è di certo il caso di farne una tragedia. D’altronde ci sono tante donne e uomini che preferiscono continuare la propria vita da soli, senza rischiare di rimettersi in gioco. Tuttavia, molto spesso ci si impone di non buttarsi in nuove relazioni per “precauzione“.

Quello che devi sapere però, è che l’amore non ha età. Ci si può innamorare a 20 anni così come a 60 anni senza alcuna distinzione, se non quella imposta da un numero. Se sei arrivata al punto di non voler più godere della tua libertà da single e hai intenzione di ricostruire una vita di coppia, allora sei capitata sull’articolo giusto.

Essere single a 50 anni: come sfruttarlo a tuo vantaggio

Non facciamo confusione. Non stiamo parlando della libertà di poter fare quello che si vuole, di uscire con nuove persone o di organizzare le vacanze con gli amici: niente di tutto questo. Questi sono alcuni pro dell’essere single a 50 anni, ma non sono quelli di cui vogliamo parlarti oggi. In questa sede ci concentreremo su un singolo aspetto, quello che ti permetterà di trovare la persona giusta per te.

Arrivati a 50 anni infatti, e forse anche un po’ prima, tutte le illusioni circa la sfera amorosa e sessuale sono svanite. Ormai si è consapevoli di “come gira il mondo” e degli sforzi che richiede una relazione per poter funzionare bene. Per quanto ti sembri scontato, questo è un vantaggio non indifferente, che per esempio non ha una ragazza single di 20 anni e che pensa all’amore con gli occhi a cuoricino.

Dopo “50 anni di te stessa” sei arrivata ad un punto dove ti conosci alla perfezione, e sai anche qual è l’uomo che vorresti avere al tuo fianco. Allo stesso tempo però, sai che il colpo di fulmine ed il successivo innamoramento non bastano per poter realizzare una relazione salda e forte, perché ci sei già passata. Questa volta sarai pronta a metterti in gioco con una mentalità diversa, sapendo riconoscere un uomo volenteroso e che ha davvero voglia di mettersi in gioco al tuo fianco.

In altre parole, sarai molto più pratica e realista, perché non hai voglia di altre delusioni amorose. Questo però non significa che non dovrai lasciare spazio ai sentimenti e alla passionalità, anzi. Quando troverai la persona che ti farà battere il cuore riuscirai ad infilarci quel minimo di razionalità che ti farà prendere le decisioni giuste.

E se ho figli?

Come abbiamo visto all’inizio dell’articolo, non sono poche le donne che vivono da sole con i propri figli. Questo significa che dovranno passare il resto dei loro giorni senza un compagno? Assolutamente no. Sono ormai numerose le famiglie che, dopo essersi separate, ritrovano la strada dell’amore con un nuovo partner. Di fatto, non è mica un crimine innamorarsi a 50 anni, no?

Potrebbe essere che tu abbia iniziato un matrimonio che, con il passare degli anni, si è dimostrato sbagliato per entrambi. A questo punto, specie se ci sono bambini di mezzo, è molto più salutare rimanere in buoni rapporti piuttosto che cercare di portare avanti una relazione morta o litigiosa. Allo stesso tempo però, non devi sottrarti all’amore per paura che i tuoi figli possano non comprendere le tue decisioni.

Ci sono tante famiglie allargate che sono riuscite a creare una realtà tutta nuova, più felice ed unita. Perché non dovrebbe essere il tuo caso? In fondo i figli sono felici quando vedono i genitori felici, e creare un ambiente amorevole, felice e sano con un nuovo partner potrebbe fare bene anche a loro. Di conseguenza, se il tuo cuore sta battendo per qualcuno, non bloccarti pensando che ferirai la tua famiglia, perché crescendo anche loro ti capiranno.

Una nuova unione

Come dicevamo, nella vita ci si può innamorare a diverse età, seppur in modi molto diversi. Tuttavia, dopo qualche anno passato insieme sotto allo stesso tetto, si potrebbe avere il desiderio di sigillare questo amore. Anche in questo caso infatti, non c’è una legge che impone di sposarsi ai 30 anni. Ogni anno di vita è buono per iniziare un nuovo matrimonio, se ci sono le basi giuste per considerare l’idea.

Se tu e il tuo compagno pensate di aver trovato la vostra strada quindi, non badate all’età, ma alla vostra felicità. Potreste scoprire che aver intrapreso questo cammino, seppur a 50 anni, sia la cosa migliore che vi sia successa nella vita. Inoltre, se entrambi avete un matrimonio “fallito” alle spalle, entrambi saprete le difficoltà a cui andrete incontro, come è possibile riparare ai danni e quanto sia importante creare un buon ambiente comunicativo.

Di fatto, sempre grazie alla consapevolezza dei vostri 50 anni, saprete che due fedi non bastano per portare avanti un matrimonio, cosa che spesso sottovaluta chi si sposa a 28 anni. Ecco perché i matrimoni dei più giovani tendono spesso a spezzarsi dopo pochi anni di vita: ci si immagina una realtà che non esiste. Questo però, non sarà un problema vostro, perché siete entrambi dotati di un’armatura chiamata “vita reale” che vi darà l’opportunità di gestire le situazioni in modo pratico e maturo.

Ecco perché, grazie alla vostra maturità, sarete doppiamente accorti qualora aveste figli. Ci sono tanti genitori che decidono di creare una nuova famiglia a 50 anni, pur avendo il timore che qualcosa potrebbe andare nuovamente per il verso sbagliato. Tuttavia, non dovete rinunciare ai vostri progetti per paura di deludere i vostri figli: impegnatevi affinché ciò non avvenga.

TROVA L’ANIMA GEMELLA ORA!

A proposito di questo argomento potresti trovare interessanti altri nostri articoli:

Innamorarsi a 50 anni

Trovare l’amore dopo la separazione è possibile?

Vuoi trovare la persona giusta? Ecco ciò che serve.